Il capo di Intel Pat Gelsinger ha previsto che la carenza globale di chip rimarrà una sfida per l’industria almeno fino al 2024, in particolare in aree come la capacità delle fonderie e la disponibilità di utensili. Nonostante questa previsione, Gelsinger ha sottolineato che Intel è a “buon punto” per gestire i vincoli che sorgono come risultato della carenza della catena di approvvigionamento.

“In effetti, Intel si sta alzando per affrontare questa sfida”, ha detto agli investitori giovedì durante una chiamata sui guadagni del primo trimestre. Ha poi continuato:

Lo scorso settembre, Intel ha annunciato che avrebbe speso fino a 80 miliardi di euro nel prossimo decennio per creare un “megafabbrica di chip in Europa, dopo aver annunciato che stava investendo 7 miliardi di euro per raddoppiare la capacità del suo impianto in Irlanda e prevede di portare la sua produzione di chip a 7nm nello stabilimento.

semiconduttori

Le difficoltà di INTEL negli ultimi tempi con i semiconduttori

Durante la chiamata, Gelsinger ha sottolineato che i blocchi a causa del COVID-19 in corso a Shanghai e l’invasione russa in Ucraina hanno dimostrato la necessità di promuovere “una produzione di semiconduttori più resiliente e più geograficamente equilibrata”, soprattutto perché crede che i semiconduttori saranno “il carburante dell’innovazione e della trasformazione”.

“Continuo a credere che siamo solo all’inizio di un ciclo di crescita a lungo termine nei semiconduttori”

“Continuiamo a vedere alcune limitazioni di mercato in aree come ethernet, un certo ammorbidimento nei PC consumer di fascia bassa, e alcuni aggiustamenti delle scorte come abbiamo discusso nella nostra ultima chiamata, ma nel complesso, i segnali di domanda da parte dei clienti continuano ad essere robusti in aree come enterprise, cloud, AI, grafica e networking”.

Ha sottolineato, tuttavia, che il ritmo con cui l’azienda tenterà di raggiungere i suoi piani di espansione dipenderà anche dal passaggio del CHIPS (Creating Helpful Incentives to Produce Semiconductors) Act. Qualora passasse, sbloccherebbe una spinta di finanziamento di 52 miliardi di dollari per la produzione statunitense di semiconduttori. L’investimento fa parte di un pacchetto più ampio di circa 250 miliardi di dollari che copre sforzi scientifici che vanno dall’intelligenza artificiale alle comunicazioni quantistiche, chiamato US Innovation and Competition Act.

La legge storica ha finora ricevuto il via libera dal Senato e dalla Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti. Ora, è in attesa di essere discussa da entrambe le camere prima di essere inviata alla Casa Bianca per la firma del presidente. Ecco le parole di Gelsinger:

“Ho recentemente testimoniato davanti al Senato per evidenziare la necessità critica per gli Stati Uniti di finanziare il CHIPS Act. Continuo a incoraggiare il Congresso a finanziare questa legislazione critica e a permetterci di muoverci più velocemente verso la realizzazione di una catena di fornitura di semiconduttori equilibrata.”

Durante i risultati del primo trimestre, Intel ha riportato un fatturato di 18,4 miliardi di dollari, in calo del 7% rispetto all’anno precedente, mentre l’utile netto è salito del 141% a 8 miliardi di dollari.

Le entrate per attività hanno visto Intel Foundry Services salire del 175% durante il Q1 a 283 milioni di dollari. Accanto a questo, una forte crescita è stata raggiunta dal suo gruppo datacenter e AI, dal gruppo rete e bordo, e dai sistemi di calcolo accelerato e dalle attività grafiche, che hanno tutti registrato circa un aumento del 20% di anno in anno durante il trimestre. Nel frattempo, il suo gruppo di soluzioni client è sceso del 13% a 9,31 miliardi di dollari durante il periodo.