Stando ad un recente studio effettuato dalla London School of Economics, Pokémon GO abbia avuto un risvolto positivo sui giocatori che soffrono di una depressione lieve. Il titolo per mobile rilasciato da Niantic è arrivato in periodi diversi nelle varie zone e dunque è stato possibile effettuare uno studio su chi aveva accesso al gioco e chi ancora non poteva usufruire di tale esperienza.

Tale studio ha fatto notare come nelle aeree nel quale Pokémon GO era presente le ricerche con termini quali ”depressione”, ”ansia” e “stress” sono diminuite. La London School fa notare come i videogiochi basati sulla localizzazione possono diminuire la depressione lieve negli utenti che ne fanno uso. Va fatto notare però che tali effetti sono a breve termine anche se rimangono comunque significativi.

Una cosa ci tengono a precisare i ricercatori: non si sta affermando che Pokémon GO cura la depressione. Si sta parlando di casi non clinici e sono frutto di ricerche effettuate su utenti che soffrono di depressione lieve, cosa ben diversa da chi soffre di disturbi depressivi cronici o gravi.

Ma perché Pokémon GO avrebbe questo effetto? Ebbene, il tutto è riconducibile alla sua caratteristica di gameplay. Il titolo dedicato invita gli utenti ad effettuare attività fisica come può essere una semplice passeggiata al parco mentre si da la caccia a Pikachu. Ma comporta anche il dover socializzare con altri utenti che giocano tramite i vari gruppi presenti sul web. Cose, che ha detta dei ricercatori, tendono a rendere le persone più felici.

Pokémon GO


Ma è doveroso ripeterlo: lo studio non sta dicendo che andare a fare una passeggiata curi dalla depressione clinica. Fa solo notare come Pokémon GO spinga i giocatori a uscire fuori di casa e perdersi nella natura, socializzare e fare un leggero esercizi fisico. Attività che aiutano ad allievare la depressione lieve.

L'autore

Alex Ulino

Giocatore da tenera età nel tempo si è appassionato più al panorama dei videogiochi competitivi con eSports compresi. Lo vedrete spesso su League of Legends, Valorant, Fortnite, Call of Duty e Battlefield a morire come un minion qualunque ma senza mai perdere l’entusiasmo^^

Vedi tutti gli articoli